sfumato
img.LTE2MTQwNDAwMjM

Contatti.

LA VIA DEL SALE

Via San Francesco da Paola, 2 - 10123 Torino (TO) - Italia

P.I. 09927270018

Tel. +39 011 888389
Mail: ristorantelaviadelsale@gmail.com

 

Privacy & Cookie Policy

la via del salela via del salela via del salela via del sale

LA VIA DEL SALE © 2020.

Tuttti i diritti riservati - P.IVA 09927270018

WEBIDOO-logo-footer

Farmed by WEBIDOO

La via del sale

la via del sale

Scopri 

Il nostro locale

la via del sale

Il Locale

 

Venite a trovarci se volete riscoprire il piacere di una vera trattoria e osteria nel cuore del centro di Torino, ideale per il dopo teatro o per cenare fino a tardi, un luogo dove i sapori della tradizione sono interpretati con i migliori prodotti del territorio.

la via del sale
la via del sale
la via del sale

La Via del sale

Perchè la via del sale? Perchè il sale o "oro bianco" ha segnato la vita dell'uomo per millenni. La storia del sale è quella delle saline e delle miniere di salgemma.

E' la storia di flotte che solcavano mari ed Oceani, carovane che attraversano deserti, valicavano montagne, percorrevano sconfinate pianure. E' la storia di ricchi mercanti ma anche di poveri contrabbandieri, vissuta lungo i fiumi, le montagne e le coste di Europa, Africa, Cina e America..

Il sale ha incrociato culture, intessuto trame sociali e culturali, economiche e religiose, ha diffuso usi e tradizioni, credenzie, miti e legende.

la via del sale

Dicono di noi...

Per anni qui c'è stato il Brancaleone, poi via via mutato, decaduto e infine deceduto..

Al suo posto una trattoria con cucina piemontese e ligure, come bene esplicita il nome: La Via del Sale, che attraversa appunto le due regioni. Naturalmente il menù e un vero e prorpio viaggio lungo questo percorso, con piatti a confronto che rappresentano i due territori. Tra gli antipasti troverete spesso i carciofi di Albenga accanto alle acciughe al verde e al polpo tiepidi entrambi con patate di montagna.

Contraltare piemontese il tagliere di salumi, il vitello tonnato alla moda vecchia (senza maionese), la mocetta di cinghiale (e qui si confina in Valle d'Aosta) con le castagne caramellate. Tra i primi si spazia dagli agnolotti del plin con ripieno alle tre carni alle linguine alla bottarga di muggine e carciofi, ai deliziosi spaghetti con ragù di scampi.

Di nuovo scontro carne/pesce tra i secondi piatti, con filetto di bue o di maiale , spezzatino di cinghiale e rolata di coniglio e orata e branzino al forno e delizioso gamberoni spadellati coi carciofi.

Come creare un sito web con FlazioCreare un sito per ristoranti